Myrtus Communis "Tarentina"

Myrtus Communis "Tarentina"

Prezzo di listino
6,50€
Prezzo scontato
6,50€
Prezzo di listino
6,50€
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse.

La pianta ha un portamento arbustivo ed è un sempreverde dalle foglie, opposte, glabre e lucide di un bel verse scuro: se guardate in controluce mostrano le ghiandole conteneneti l'olio che le rende profumate. I fiori, singoli, posti nel punto di attacco delle foglie al fusto, sono profumati e costituiti da cinque petali di colore bianco o roseo; una volta fioriti prendono l' aspetto di piumini. La fioritura molto abbondante, ha luogo nella tarda primavera e all'inizio dell'estate, da maggio a luglio. Un evento piuttosto frequente è la seconda fioritura che si può verificare in tarda estate, da agosto a settembre e, con autunni caldi, in ottobre. Ai fiori seguono i frutti : delle belle bacche globoso-ovoidali di colore nero-azzurrastro, rosso-scuro o più raramente biancaste, che maturano da novembre a gennaio, persistendo molto a lungo sulla pianta.
È noto che i Romani fossero soliti coronare di tralci di mirto i generali che si erano distinti in battaglia e che utilizzassero la stessa pianta quale segno propiziatorio per i giovani sposi nei banchetti nunziali dei quali non dovevano mai mancare. Anche i suoi fiori, ritenuti per tradizione beneauguranti, erano presenti nel bouquet nuziale. Plinio il Giovane ci racconta che molte piante di mirto crescevano dove venne fondata Roma, alludendo così alla fama imperitura della città.
Una leggenda invece narra che i Romani ed i Sabini si riconciliarono, dopo il famoso ratto, purificandosi con fronde di mirto e che ai piedi del Campidoglio ne furono messe due piante.

Diametro fiore: /
Altezza pianta: 1,20 - 1,50 mt.
Fogliame: verde scuro
Misura fiore: h cm 30
Utilizzo giardino: bordi misti, gruppi
Esposizione: sole - mezzombra